Na vecchjie sobb’a na specchije

Na vecchjie sobb’a na specchije (seconda parte)

vedi la prima parte

Na vecchjie sobb'a na specchije

Jie le diche cu nnu ragghje
tanta bbelle ca te squagghje.
None none vattinne vattinne
ca me diescete le peccinne!
Nu picca lundane da na sctadde
vete assì totte na vote nu cavadde
fermete nu picche uè cumbà
famme sapì ne ma nzurà?
Sine sine cummà ziaredde
tu me pare na pucciuledde.
Dimme na cose cumbà cavadde
come parle jind’a sctadde?
Iiiiihhhje parle jind’a sctu mote
i ppò anzieme move a cote.
None none vattinne vattinne
ca me diescete a notte le peccinne!
I cce jete! Quanta mujine!

Cce te crite nna bella reggine?
Doppe nu picche nu cagnule
sceve passanne sulu sule
vete a vecchje de ciend’anne
te uè spuese le ve dumanne.
U penziere me scte frisce
dimme le cose come le disce?
Quanne chiame ji agghjatte
i nna ppigghjene pasce le jiatte.
None none vattinne vattinne
ca me diescete a notte le peccinne!

Na vecchjie sobb’a na specchije

Io le dico con un raglio
così bello che ti scioglie.
No no vattene vattene
perché svegli i bambini la notte!
Poco lontano da una stalla
vede uscire all’improvviso un cavallo
fermati un po’ compare
fammi sapere ci sposiamo?
Si si comare imbellettata
tu mi sembri una ragazza.
Dimmi una cosa compare cavallo
come parli nella stalla?
Iiiiihhhio parlo in questo modo
e poi insieme muovo la coda.
No no vattene vattene
perché svegli i bambini la notte!
E che diamine! Quante smorfie!

Chi ti credi,una bella regina?
Poco dopo un cagnolino
stava passando solo solo
vede la vecchia di cent’anni
ti vuoi sposare le domanda.
Il pensiero mi sta friggendo
dimmi le cose come le dici?
Quando chiamo io abbaio
e non hanno pace i gatti.
No no vattene vattene
che svegli la notte i bambini!

Na vecchjie sobb’a na specchije (seconda parte)

I commenti sono chiusi.