Na vecchjie sobb’a na specchjie

Na vecchjie sobb’a na specchjie

(terza parte)

Prima parte

Seconda parte

Na vecchjie sobb'a na specchjie

Na vecchjie sobb’a na specchjie

(terza parte)

Cce mala creanze! Ma cce abbuse!
Voche addò n’ate cu fazze le fuse.
Nu sciurgicchjie da jind’a la specchjie
a’mmocche a fafe sse ccucchjie alla vecchjie.
Nu granne rejale t’agghjie purtate
tu l’ere perdute ji l’agghjie acchjiate.
Cce sinde ggendile me pare nu rre
dimme na cose uè rrumane cu mme?
Pe disce nu sine nna fazze fatije
ma ji nange a fazze cu ddiche buscije
lasse ste cose a cci tene le diende
a vite i vulate pare nu viende
a ll’ebbeca tova nna penzene a nniende
mange le fafe i rumane cundende!
A poreva vecchje capite a llezzione
pe vvete le sande japreve u varcone.
U fatte i ffurnute a nnu accussì piasce
penzate o Segnore i vevite am’pasce.

 

Na vecchjie sobb’a na specchjie

(terza parte)

Che mala creanza! Che abuso!
Vado da un’altra per fare le fusa.
Un topolino uscì dalla specchia
con in bocca la fava si avvicina alla vecchia.
Un grande regalo ti ho portato
tu l’avevi perduta io l’ho ritrovata.
Come sei gentile mi sembri un re
dimmi una cosa rimani con me?
Per dire un si non faccio fatica
ma io non ce la faccio a dire bugie
lascia queste cose a chi ha i denti
la vita è volata sembra un vento
all’età tua non si pensa a niente
mangia le fave e resta contenta!
La povera vecchia capita la lezione
per vedere i santi apriva il balcone.
Il racconto è finito a noi piace
pensate al Signore e vivete in pace.

Fine della storiella che mi ha accompagnato lungo tutta la mia infanzia.

I commenti sono chiusi.